Domenica 26 gennaio, dopo la S. Messa delle ore 11, commemoriamo il Giorno della Memoria.
Con la voce di Manuela Grignani accompagnata dal violino del maestro Fabrizio Ferrari sarà posata sul selciato della Piazza la targa, con la scritta che vedete in foto. La targa, come le Pietre d’Inciampo, vuole essere “Un piccolo funerale per chi non lo ebbe, in queste pietre in queste lapidi c’è il fallimento dell’uomo” come ha detto la Senatrice a vita Liliana Segre, sopravvissuta ad Auschwitz.

Ultimo aggiornamento

Giovedi 20 Febbraio 2020